Glossario

# A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
There are 5 names in this directory beginning with the letter A.
A-VOD, Advertising Video On Demand
Indica un servizio media audiovisivo su richiesta che permette agli utenti di fruire gratuitamente di programmi televisivi online, la cui visione è subordinata alla visione di messaggi pubblicitari.

AGCM, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato è una Autorità amministrativa indipendente istituita con la legge n. 287 del 10 ottobre 1990 ("Norme per la tutela della concorrenza e del mercato”). L’Autorità è organo collegiale con decisioni assunte a maggioranza. Il Presidente e i componenti dell’Autorità sono nominati dai Presidenti di Camera e Senato e durano in carica 7 anni, non rinnovabili. I principali ambiti di intervento dell’Autorità di rilevanza per il settore radiotelevisivo sono: a) garantire la tutela della concorrenza e del mercato; b) contrastare le pratiche commerciali scorrette nei confronti dei consumatori e delle microimprese, tutelare le imprese dalla pubblicità ingannevole e comparativa, vigilare affinché nei rapporti contrattuali tra aziende e consumatori non vi siano clausole vessatorie; c) vigilare sui conflitti di interesse in cui possono incorrere i titolari di cariche di Governo; d) attribuire alle imprese che ne facciano richiesta il rating di legalità. Inoltre, fra le competenze dell’Autorità rientrano: la repressione degli abusi di dipendenza economica che abbiano rilevanza per la tutela della concorrenza e del mercato, il potere di vigilanza sulla commercializzazione dei diritti sportivi; i poteri consultivi previsti dal Codice delle comunicazioni elettroniche in materia di trasferimento delle radiofrequenze e di analisi dei mercati rilevanti dei prodotti e servizi relativi alle comunicazioni elettroniche.


AGCOM, Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni
Istituita dalla legge 249 del 1997, l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni è un'Autorità di garanzia volta ad assicurare la corretta competizione degli operatori sul mercato sotto il profilo del pluralismo, e tutelare i consumi e le libertà fondamentali degli utenti. La garanzia viene svolta attraverso attività di regolamentazione e vigilanza nei settori delle telecomunicazioni, dell'audiovisivo, dell'editoria e, più recentemente, delle poste, settori contigui toccati dalla digitalizzazione per cui l’Agcom, fra le prime in Europa, si è posta come autorità "convergente". Autorità indipendente e autonoma (regolamenti propri) l’Agcom risponde del proprio operato al Parlamento, che ne ha stabilito i poteri, definito lo statuto ed eletto i componenti. Al Parlamento l’Agcom presenta ogni anno in luglio una relazione annuale sulle attività. Sono organi dell'Autorità: il Presidente, la Commissione per le infrastrutture e le reti, la Commissione per i servizi e i prodotti, il Consiglio: quest’ultimo è composto dal Presidente (candidatura proposta dal Presidente del Consiglio di concerto con MISE) e i 4 commissari (eletti dal Parlametno, metà Camera dei Deputati, metà Senato) e resta in carica 7 anni. Gli organi funzionali dell'Autorità includono i Comitati regionali per le comunicazioni (Co.Re.Com, vedi) e il Consiglio Nazionale degli Utenti (vedi). Confindustria Radio Televisioni colabora con AGCOM partecipando al Comitato per lo Sviluppo e la Tutela dell’Offerta Legale di Opere Digitali, istituito dal regolamento in materia di tutela del diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica (Del. N. 680/13/CONS); e affiancando i propri associati, in diversi tavoli tecnici istituiti dall’Autorità, ad es. quello sul monitoraggio periodico dello stato di sviluppo e diffusione dei nuovi standard trasmissivi e di codifica del segnale per il DTT all’interno dell’Osservatorio permanente sull’innovazione dei servizi di media audiovisivi (delibera Agcom Del. N. 482/14/CONS), o quello per la garanzia del pluralismo e della correttezza dell’informazione sulle piattaforme digitali (Del. n. 423/17/CONS) per citare i più recenti; oltre a contribuire alle indagini indette con position paper condivisi e dati di settore.

http://www.agcom.it

Ascoltatore televisivo
Un individuo in ascolto, per essere considerato “ascoltatore TV” (telespettatore), in un determinato minuto, deve essere presente per almeno 31'' di quel minuto. Durante l'elaborazione dei dati, le informazioni grezze organizzate in ore, minuti e secondi, vengono arrotondate al minuto (per eccesso o per difetto).

Audience media (AM)
Valore assoluto espresso in migliaia, indica il numero medio dei telespettatori di un certo programma. Risulta dal rapporto tra la somma dei telespettatori presenti in ciascun minuto di un dato intervallo di tempo e la durata in minuti dell'intervallo stesso.